Cremano

Il termine Cremano è invece un antico toponimo di una striscia attualmente compresa fra Portici e San Giorgio. Ragion per cui il nome della città significa San Giorgio nei pressi di Cremano. Tuttavia il termine Cremano ha subito trasformazioni sostanziali nel corso dei secoli. L'ipotesi più attendibile è che esso derivi da Cambrano, toponimo di una zona costiera piuttosto vasta, come documentato anche dalle mappe del duca di Noja. In origine infatti il paese si estendeva su due casali: Capitiniano e Sant'Aniello a Cambrano . Nel 1334 questi due casali si fusero in S. Giorgio a Cambrano. Cambrano diventerà Clamano e poi nel 1500 Cremano. Tuttavia sull'etimologia del toponimo Cambrano non vi è ancora accordo. Alcuni erroneamente vorrebbero far derivare Cremano da Crematum, con riferimento ad una lingua di lava del Vesuvio che avrebbe cremato tali zone. Tuttavia ciò non è documentato da nessuna parte e nemmeno si possono far risalire le origini del paese al tempo dei romani. Inoltre la città di S. Giorgio a Cremano non è stata mai completamente distrutta dalla lava del Vesuvio, solo nel 1631 la lava arrivò fino all'Arso , mentre il nome Cremano è dato al paese nel 1500. Infine dal 79 d.C. al 1944 si sono avute 53 eruzioni, ma è anche vero che dal 1140 al 1631 vi è stato un lungo periodo di stasi dell'attività del Vesuvio, ma non molto forti. Infatti se si osservano dipinti dell'epoca, il Vesuvio non viene disegnato con l'uscita di fuoco dalla bocca, mentre viene dipinto con una folte vegetazione che arriva fino al cratere.