H-Anto a te, concluso il progetto di inclusione sociale dei diversamente abili

07/02/2017

Logo
Si è concluso il progetto rivolto alle persone con disabilità psichica e motoria, avviato l'11 gennaio 2016 dall'assessorato alle Politiche Sociali, guidato dal vicesindaco Giovanni Marino. Grazie al progetto "H-Anto a te", 15 cittadini, residenti nei Comuni di San Giorgio a Cremano e San Sebastiano al Vesuvio (Ambito n. 28), hanno svolto laboratori finalizzati a renderli autonomi nelle attività quotidiane, maggiormente consapevoli delle proprie capacità e capaci di portare il loro contributo alla società.

Gli utenti, selezionati dai Servizi Sociali dei due comuni dell'Ambito, sono stati occupati per oltre un anno in molteplici laboratori scelti insieme alle famiglie dei destinatari del progetto, in relazione alle inclinazioni e alle competenze di ciascun utente. A loro volta i laboratori sono stati individuati in base al principale obiettivo da raggiungere, ovvero l'indipendenza. In particolare si è lavorato sui quattro aspetti dell'autonomia: personale, domestica, psicologica e sociale. Gli utenti hanno potuto raggiungere questa finalità attraverso laboratori di cucina: hanno imparato cioè a preparare pietanze e dolci , anche con il contributo del maestro Sabatino Sirica che li ha ospitati nel suo negozio, insegnando loro a confezionare dolci e panettoni ed hanno perfino realizzato buffet per eventi di Natale; laboratori sportivi: gli utenti con maggiore predisposizione verso le attività motorie hanno svolto corsi di nuoto con istruttori esperti , raggiungendo non solo obiettivi personali , ma rinforzando il rapporto di socializzazione con le altre persone e la consapevolezza delle proprie risorse. Inoltre hanno potuto partecipare a corsi di danza e ginnastica conoscendo meglio il proprio corpo e favorendo la propria riabilitazione motoria; laboratorio di sartoria e artigianato: hanno ideato e prodotto oggetti in stoffa e gadget di vario genere partendo dall'acquisto dei materiali, alla loro realizzazione completa.

Gli oggetti sono stati poi venduti e con il contributo economico hanno deciso di finanziare alcune gite in luoghi d'arte della Campania; laboratori di giardinaggio: si sono dedicati alla coltivazione di orti, dalla piantagione dei semi alla raccolta dei frutti, con lo scopo di valorizzare l'ambiente e prendere coscienza del rapporto con la natura; laboratorio di autonomia stradale: a quasi tutti gli utenti sono stati insegnati i segnali stradali, per muoversi da soli in città e riuscire ad individuare i pericoli della strada.

"H-Anto a te è un progetto di inclusione sociale concreta - spiega il sindaco Giorgio Zinno - ed è per noi fonte di orgoglio. Offrire alle persone affette da disabilità psichica e motoria opportunità di inserimento nella società significa tracciare il loro futuro sulla strada dell'autonomia. Siamo consapevoli tutti che proprio la non- autosufficienza rappresenta per le famiglie il vero dramma da risolvere quando si pensa al futuro dei propri figli. Per questo motivo - conclude - visti gli ottimi risultati raggiunti dagli utenti di questo progetto, intendiamo proseguire per formare sempre più persone capaci di offrire il proprio contributo alla nostra comunità".

D'accordo anche Giovanni Marino: "La loro crescita sulla strada dell'apprendimento e dell'inclusione è un arricchimento per tutta la città. Le persone con disabilità non sono solo soggetti da assistere ma rappresentano una risorsa preziosa per la società che saprà accoglierli e valorizzarli".