Multimedia

Imposte locali

Farmacie di turno

Consiglio in Streaming

Comitato unico di garanzia

Consulta comunale per le pari opportunità

Garante Anziani

Garante Disabili

Numero Verde Emergenze
utenti attualmente online

Riapertura dei termini del bando di concorso per il contributo affitti 2014

02/10/2015

Logo

Legge 9 dicembre 1998, n. 431- articolo 11, Fondo Nazionale per il sostegno all’accesso alle abitazioni in locazione

L’Amministrazione Comunale ha riaperto i termini per trenta giorni consecutivi, a decorrere dalla data di affissione del presente manifesto, per la partecipazione al bando di concorso per la concessione dei contributi integrativi ai canoni di locazione, per l’anno 2014, in favore dei cittadini residenti che siano titolari di contratti ad uso abitativo, regolarmente registrati, di immobili ubicati sul territorio comunale e che non siano di edilizia residenziale pubblica e per consentire, inoltre, l’eventuale integrazione della documentazione alle istanze già presentate in occasione della pubblicazione del presente bando dal 07/01/2015 al 09/03/2015;
Le risorse per la concessione dei contributi sono quelle assegnate successivamente al Comune di San Giorgio a Cremano dal Settore “Edilizia Pubblica Abitativa” della Regione Campania per l’annualità 2014 e quelle aggiuntive assegnate da questo Comune, nella misura di € 20.000,00, per l’annualità 2014.

1. REQUISITI
Per beneficiare del contributo devono ricorrere le seguenti condizioni, pena la non ammissione al concorso:

A. Avere, unitamente al proprio nucleo familiare, i requisiti previsti dall’articolo 2, lettere a, b, c, d, e, ed f della legge Regione Campania del 2 luglio 1997, n.18 per l’accesso all’edilizia residenziale pubblica (in caso di avvenuto trasferimento in altro Comune, il requisito della residenza va posseduto con riferimento al periodo che può essere coperto dal contributo);
B. Essere titolare, per l’anno 2014, di un contratto di locazione per uso abitativo, regolarmente registrato, relativo ad un immobile non di edilizia residenziale pubblica;
C. Presentare certificazione dalla quale risultino valore ISEE (indicatore della situazione economica equivalente), valore ISE (indicatore della situazione economica) e incidenza del canone annuo, al netto degli oneri accessori, sul valore ISE, calcolati ai sensi del D.Lgs. n. 109/98 e successive modificazioni ed integrazioni, rientranti entro i valori di seguito indicati:
Fascia “A”
Valore ISE, per l’anno 2014 - redditi 2013 , non superiore all’importo corrispondente a 2 (due) pensioni minime I.N.P.S. rispetto al quale l’incidenza del canone al netto degli oneri accessori, sul valore ISE risulta non inferiore al 14%.
Fascia “B”
Valore ISE, per l’anno 2014 – redditi 2013, non superiore all’importo di euro 18.000,00 , rispetto al quale l’incidenza del canone, al netto degli oneri accessori, sul valore ISE risulta non inferiore al 24%.
Fascia “C”
Nucleo familiare con la presenza di ultrasessantacinquenne, con reddito complessivo nell’anno 2013 pari ad una pensione minima I.N.P.S., rispetto al cui valore ISE, l’incidenza del canone al netto degli oneri accessori risulta non inferiore al 14%.

D. Il contributo previsto dall’articolo 11 della legge 431/98 non può essere cumulato con contributi erogati da altri ENTI per la stessa finalità, ad eccezione dei finanziamenti previsti dal bando Regionale per le Misure Anticrisi di cui al DD 189 del 22/05/2009 pubblicato sul BURC n. 35 del 08/06/2009. In tal caso il totale non potrà, comunque, superare l’importo del canone annuo 2014;
E. L’erogazione del contributo a favore di soggetti i cui nuclei familiari sono inseriti nelle graduatorie vigenti per l’assegnazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica non pregiudica in alcun modo la posizione acquisita da tali soggetti nelle suddette graduatorie.
L’eventuale assegnazione dell’alloggio di edilizia residenziale pubblica è causa di decadenza dal diritto al contributo dal momento della data di disponibilità dell’alloggio;
F. Sono ammissibili a contributo gli stranieri titolari della carta di soggiorno o di permesso di soggiorno almeno biennale ed esercitanti una regolare attività di lavoro subordinato o di lavoro autonomo (artt. 5,9 e 40 D.Lgs 289/98 così come modificati dalla L. 189/2002 e s.m.i.) e residenti da almeno dieci anni nel territorio nazionale ovvero da almeno cinque anni nella Regione Campania ( L.133/2008);
G. In caso di decesso, il contributo sarà assegnato al soggetto che succede nel rapporto di locazione ai sensi dell’art. 6 della legge n. 392/1978, in mancanza sarà versato agli eredi individuati in base alla disciplina civilistica.

2. CALCOLO DEL CONTRIBUTO
A. Il contributo teorico è calcolato sulla base dell’incidenza del canone annuo, al netto degli oneri accessori, sul valore ISE calcolato ai sensi del D.Lgs. 109/98 e successive modificazioni ed integrazioni;
fascia A e C: il contributo è tale da ridurre l’incidenza al 14% per un importo massimo arrotondato di euro 1.800,00;
fascia B: il contributo è tale da ridurre l’incidenza al 24% per un massimo arrotondamento di euro 1.600,00.
B. Il contributo teorico è poi rapportato al periodo di effettiva validità del contratto calcolato in mesi interi ed in ogni caso non può superare l’importo del canone annuo corrisposto.
C. L’erogazione del contributo a soggetti che dichiarano “ISE zero“ è possibile soltanto in presenza di espressa certificazione a firma del responsabile del competente ufficio comunale, che attesta che il soggetto richiedente usufruisce di assistenza da parte dei servizi sociali del Comune oppure in presenza di autocertificazione circa la fonte di sostentamento.

3. FORMAZIONE GRADUATORIE, PRIORITA’ E RISERVE
La selezione dei beneficiari avverrà mediante la formulazione di una graduatoria (distinta per eventuali riserve o unica comprendente le stesse ) in funzione di un coefficiente derivante dal rapporto tra canone, al netto degli oneri accessori, e valore ISEE dell’anno 2014-reddito 2013.
A. A parità di punteggio, sarà data priorità ai concorrenti in base alle seguenti condizioni e secondo l’ordine di elencazione delle stesse:
a. soggetti nei confronti dei quali risulti emesso provvedimento di rilascio dell’abitazione e che abbiano proceduto a stipulare un nuovo contratto di locazione ad uso abitativo con le modalità previste dalla legge 9 dicembre 1998, n. 431.
b. Nuclei familiari senza fonte di reddito;
c. Ultrasessantacinquenni;
d. Famiglie monoparentali;
e. Presenza di uno o più componenti disabili;
f. Numeri di componenti il nucleo familiare
Permanendo la parità, si procederà a sorteggio.
B. All’esame delle istanze ed alla predisposizione della graduatoria provvederà una commissione tecnica costituita con provvedimento della Giunta Comunale.
C. Delle risorse a disposizione la percentuale del 70% è destinata alla fascia “A” , la percentuale del 20% è destinata alla fascia “B”, la percentuale del 10% è destinata alla fascia “C”. Eventuali fondi non spesi nella fascia di riferimento verranno equamente ripartiti nelle fasce restanti.

4. RISORSE
A. Le economie derivanti da perdita o modificazione dei requisiti o per rideterminazione della posizione in graduatoria dei beneficiari a seguito di controlli svolti dai competenti uffici comunali, restano nella disponibilità del Comune fino all’esaurimento di entrambe le graduatorie di fascia A ,B e C con priorità alle riserve. Le eventuali ulteriori eccedenze sono segnalate alla Regione e sono computate in detrazione sui finanziamenti dell’anno successivo.
B. L’erogazione delle risorse potrà avvenire anche con anticipazioni del 50% al momento della pubblicazione del bando, con esclusione dei Comuni inadempienti rispetto alle procedure concorsuali degli anni precedenti. In merito viene fatta salva ogni valutazione del competente Settore regionale EPA dell’AGC 16 circa l’effettiva acquisizione delle risorse statali nel bilancio regionale ed il rispetto dei vincoli derivanti dal patto di stabilità e da esigenze di equilibrio del bilancio stesso.

5. DOCUMENTAZIONE
Alla domanda di partecipazione dovrà essere allegata, a pena di esclusione definitiva o la non concessione dell’eventuale beneficio, la seguente documentazione riferita all’anno 2014:

• Fotocopia fronte-retro di un documento valido di riconoscimento del richiedente;
• Contratto di locazione regolarmente registrato valido per il 2014;
1. Ricevuta di versamento dell’intera annualità della tassa di registrazione mod. F23 per l’intero anno 2014,ovvero copia della comunicazione all’agenzia dell’entrate di adesione alla “cedolare secca”;
• Attestazione ISEE 2014 – redditi 2013 -
• Copia (eventuale) del provvedimento di sfratto rilascio e dichiarazione, ai sensi del D.P.R. 445/2000, che a seguito dello sfratto è stato stipulato un nuovo contratto di locazione ad uso abitativo, con le modalità stabilite dalla legge 4321/98.
• Autocertificazione di chi effettua il sostentamento nel caso in cui i richiedenti dichiarano “I.S.E. zero”;
La mancata firma del modulo di partecipazione al bando e la mancata presentazione anche di uno solo dei sopraelencati documenti comporta l’esclusione e l’inammissibilità del ricorso;

6. MODALITA’ DI PARTECIPAZIONE
Le domande di partecipazione degli aspiranti beneficiari devono essere presentate utilizzando l’apposito modulo predisposto dal Comune, in distribuzione presso il Servizio Politiche della Casa ubicato in Villa Bruno (Responsabile del procedimento geometra Giuseppe Esposito), devono essere debitamente compilate e sottoscritte, allegando la fotocopia fronte retro di un documento di riconoscimento valido del richiedente e possono essere poi spedite con apposita busta, anch’essa in distribuzione da detto ufficio, al Comune di San Giorgio a Cremano – Settore Programmazione Economica e Servizi Sociali-, a mezzo raccomandata AR oppure presentata direttamente al Protocollo Generale del Comune, unitamente alla documentazione di cui al precedente punto 5, entro 30 giorni dalla data di pubblicazione del presente bando, pena l’esclusione. Farà fede, per la presentazione delle istanze, esclusivamente la data del timbro postale e/o del Protocollo Generale del Comune.
In caso di eventuale integrazione della documentazione alle istanze già presentate in occasione della pubblicazione del presente bando dal 07/01/2015 al 09/03/2015, occorre trasmetterle con apposita istanza con la stessa procedura sopra indicata.
Per la sottoscrizione delle domande di partecipazione i concorrenti potranno avvalersi delle disposizioni previste dal D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445.

7. CONCLUSIONE DEL PROCEDIMENTO
Mesi 12 dalla data di pubblicazione del presente bando.

L’Amministrazione provvederà ad effettuare idonei controlli sulle dichiarazioni rese dai concorrenti, a partire da coloro che hanno dichiarato assenza di redditi o redditi inferiori ai canoni corrisposti, disponendo, nei casi accertati di falsa dichiarazione, la decadenza dal beneficio e la denunzia all’Autorità Giudiziaria.

Il presente bando è pubblicato sul sito Internet del Comune all’indirizzo : www.e-cremano.it (albo pretorio – atti in pubblicazione – bandi)